logoPefc Lutto 01

Caring for our forests globally
PEFC Italia

skflag Italia | PEFC International

 

Indice di Percezione della Corruzione 2017: l'Italia oltre la soglia rischio

Mar 17 2018

 

CPI 2017 global map

Di Francesca Dini
Finalmente una buona notizia sul fronte dell’Indice di Percezione della Corruzione (CPI), l’Italia per la prima volta raggiunge un punteggio di 50 su 100 classificandosi al 54° posto nel mondo su 180 Paesi analizzati.
Lo scorso febbraio è stato rilasciato l’indice del 2017 di Percezione della Corruzione di Transparency International, analisi di 180 Paesi classificati sulla base del livello di corruzione percepito nel settore pubblico e nella politica. Transparency International assegna un punteggio di 0 ai Paesi ritenuti molto corrotti fino a 100 per i Paesi ritenuti affidabili; 50 è la soglia minima che individua i Paesi dove sia presente un "serio problema di corruzione”. L’Italia quest’anno è stata valutata con un punteggio di 50, che consente di uscire dalla condizione di Paese “a rischio corruzione” in cui era stata relegata dal 2008. Sebbene questo punteggio non possa essere ritenuto una completa sufficienza, va sottolineato che il nostro Paese dal 2012 in poi ha riconquistato 18 posizioni, di cui sei solo nell’ultimo anno, grazie a politiche quali l’approvazione della legge anticorruzione e delle nuove norme sugli appalti, l’introduzione all’accesso civico generalizzato, la recente legge a tutela dei whistleblower e l’istituzione dell’Autorità Nazionale Anticorruzione

CPIMa questo cosa implica per la certificazione PEFC in Italia? Il CPI è uno degli indici che viene utilizzato nella Due Diligence System della Catena di Custodia PEFC. Per la precisione il CPI è usato durante la fase di valutazione del rischio a livello di origine per minimizzare il rischio di introduzione nel mercato di materiale derivante da fonti controverse. Il raggiungimento della soglia minima di 50 riduce il rischio per le materie immesse dall’Italia nel mercato Europeo, portando il rischio da “significativo” a trascurabile”. Fino all’anno scorso, infatti, per evitare di penalizzare il mercato del legno Italiano e tutelare le regioni che adottavano comportamenti virtuosi, il PEFC Italia aveva proposto l’adozione di un indice alternativo, il Quality of Governance Index – QoG della University of Gothembourg (Svezia) al fine di circoscrive la necessità di approfondire l’analisi del rischio sull’origine del legname alle sole regioni ritenute “a rischio” (cinque in tutto), riconoscendo alle altre regioni italiane lo status di aree a rischio “trascurabile” per la probabilità a livello di origine del legname controverso.

 

 

Brochure PEFC Italia

Scarica le brochure del PEFC Italia dedicate a:

Catena di Custodia

Brochure_CoC

 

Aziende business to business

 

Consumatori

Brochure_consumatori


Seguici su

facebook-logo

logo-twitter

linkedin_logo

 

 

Facebook   Twitter    LinkedIn

youtube-logo

flickr_logo

Youtube          Flickr


Dati certificazione PEFC

Superficie forestale
Nel mondo: 304 millioni ha

In Italia: 755.972,07 ha

Proprietari forestali
Nel mondo: >750.000, in Italia: 24.022

Aziende CoC nel mondo: >19.800, in Italia 1006

  768689

Right margin block DATABASE

Cerca foreste, prodotti e aziende certificate PEFC

Database nazionale

Database internazionale